Jamie Mccanney

Jamie McCanney a podio nel Gran Premio di Francia, ultimo appuntamento del Mondiale 2016

 

Onore (BG), 11 Settembre

 

L’Enduro GP, il Campionato del Mondo di Enduro, chiude i battenti in Francia. Dei sette titoli in palio, due erano stati assegnati in anticipo alla fine del Gran Premio d’Italia, EJ a Giacomo Redondi e Youth Cup a Jack Edmondson, e quello della E3 è andato alla fine della prima giornata francese a Steve Holcombe. Finalmente, la doppia, eccellente gara organizzata a Cahors, assegna anche i Titoli della E1, che va per il secondo anno consecutivo a Eero Remes, della EW, che va a Laia Sanz, e della E2, che va a Matthew Phillips. L’australiano si aggiudica anche il nuovo Titolo di riferimento dell’Enduro Mondiale e diventa il primo Campione del Mondo della Enduro GP, una novità regolamentare di quest’anno che valorizza, di nuovo e ufficialmente, l’”antica” classifica Assoluta.

Il week end francese, infine, premia due volte Nathan Watson e Steve Holcombe, E1 e E3, Bellino e Robert, E2, e di nuovo Bellino e Robert, Enduro GP.

Il Team Miglio Yamaha Yamalube porta in Francia la formazione ufficiale, finalmente al completo, e sulle Yamaha WR250F salgono Jamie McCanney e Michael Persson. L’inglese è al rientro dopo il secondo infortunio dell’anno e non ancora, naturalmente, al 100% della forma, mentre lo svedese annuncia il suo primo podio dell’anno ancora prima di sbarcare in Francia. Non è presunzione, ma una dichiarazione d’intenti che sottintende una condizione tecnica e fisica eccellente. Persson “sbaglierà mira”, non sarà lui a salire sul podio di Cahors, ma il Team Miglio Yamaha Yamalube andrà a segno.

Risultati. Impegnati nella E1, i Piloti del Team Miglio Yamaha Yamalube hanno ottenuto risultati di rilievo assoluto. In particolare Jamie McCannney, che sabato è salito al terzo posto e sul podio al termine di una gara bellissima, addirittura sensazionale se si tiene conto della storia “clinica” dell’inglese, che domenica ha concesso all’inevitabile fatica parte del potenziale chiudendo al sesto posto. Ispirato dal compagno di Squadra e dalla competitività della WR250F, ma parzialmente inibito dall’eccessivo entusiasmo, Michael Persson ha ottenuto l’11° posto sabato, ma è stato costretto al ritiro domenica a causa di una caduta.

Bilanci. Il Team Miglio Yamaha Yamalube conclude la sua seconda stagione di impegno totale nella classe E1 con entrambi i Pilotti nella Top Ten. Un risultato senza dubbio eccellente anche se, obiettivamente, Max Migliorati non lo considera all’altezza del potenziale della Squadra e delle attese. Gli infortuni a Jamie McCanney e l’ingresso tra i “grandi” del giovane Campione del Mondo della Youth Cup 2015, Michael Persson, sono la “tassa” che incide sul bilancio di una stagione che, come per altri Team più esperti e blasonati, è da considerare di crescita. McCanney, che si cnferma Pilota di grande talento, conclude al 10° posto con tre Gran Premi soltanto all’attivo, nei quali ha ottenuto altrettanti podi, ovvero due secondi posti in Marocco e Portogallo e un terzo in Francia. Il giovane e scalpitante Persson conclude al 9° posto con sette GP, in un crescendo che è la caratteristica saliente della seconda parte della sua stagione.

 

Grazie Mille

Piero Batini

TMYY Press